martedì 23 febbraio 2010

Informazione made in italy

Sui libri di storia c'è scritto che la storia si fa con i documenti. La storia moderna (nei paesi dove si studia) si chiama giornalismo. Io, nel mio piccolo, ho una certa passione per la storia, moderna e non. Visto che ormai ogni giornale è fazioso (permettetemelo) per capire veramente cosa accade devo accedere a diverse fonti. Beh se c'è una cosa che non manca su internet sono le fonti, e sono anche di un certo rilievo.
Certo che pero' fa un certo effetto leggere le notizie del bel paese da 2500 km di distanza. Che effetto? Beh se non altro non mi viene da vomitare.
Vorrei fare una carrellata sulle notizie di oggi.
Cercherò di non dare ovviamente un taglio politico alla cosa.

Telecom viene accusata di una mega frode fiscale. Cioè Telecom, quella coinvolta nello scandalo delle intercettazioni. Quella Telecom, che in colpo solo si è comprata tutta la rete tecnologica italiana, e che è stata acquistata in malo modo con una scalata aggressiva dal suo attuale padrone, azione dalla quale la società non si è ancora ripresa visti gli enormi debiti. Mamma Telecom, a cui tutti abbiamo pagato un canone incredibile, ricordo bollette da 60 euro con 2 euro di traffico e il resto canone, bolli, tasse e l'immancabile iva.
Ma dico, qualche settimana fa il super Tronchetti viene indicato come principale mandante delle intercettazioni fuori legge, qualche giorno fa sempre il mega boss di Telecom il buon Tronchetti veniva dato per vincente sulla poltrona di Mediobanca con grandi applausi del mondo della finanza. Sorvoliamo sul fatto che sembra coinvolta anche Fastweb, altra grande realtà delle TLC.
Ecco questa è una cosa tipicamente italiana: un accostamento di assurdità che pero' te lo passano come fosse normale. Secondo me c'è qualcosa di malsano in tutto cio'. Ma voi potreste dirmi "Chettenefrega? Tanto il falso in bilancio è stato depenalizzato..."

Ok, cambiamo news.
Alla faccia di chi ha sempre pagato le tasse (io le ho sempre pagate) hanno deciso di fare uno Scudo Fiscale, per permettere a chi era riuscito a nascondere capitali all'estero di poterseli portare in italia con una "sanatoria" (tipo come quando Silvio ha pagato 1200 euro anzichè 4 milioni). Ora accettiamo anche questa sanatoria, chiamatela come volete.
Ma perchè il ministero deve dire che sono rientrati in italia 95 miliardi se BankItalia dice che ne sono entrati solo 35? BankItalia è un organo che raggruppa tutte le banche d'italia. Se non lo sanno loro il dato ufficiale il ministero come fa a saperlo? Il ministro ha sguinzagliato le sue segretarie per controllare?
Ci deve sempre essere qualcuno che è più figo di tutti gli altri, e guai a chi osa ribattere.

Ok cambio news.
Parliamo di smog? In Lombardia (come un po' dappertutto) è emergenza inquinamento atmosferico. A Parova mi ricordo parecchie domeniche senz'auto. Magari non facevano granchè, e poi non c'erano vigili in giro e più di qualcuno la faceva sporca. Alla proposta di fare UNA domenica senz'auto, 134 comuni su 136 hanno risposto no.
Ma io dico, ma questi cazzo di sindaci, non la vedono l'assurdità? Stiamp parlando di una domenica, la si potrebbe organizzare tipo con una biciclettata o qualcosa di simile, una giornata tutti insieme a piedi nella piazza del comune. No, non si sa mai che la gente poi faccia amicizia. No no, bisogna sempre rimanere incazzosi e minacciosi verso i vicini che non si sa mai.
Mi piacerebbe tanto sapere cosa sperano questi sindaci, probabilmente che venga a piovere, cosi pulisce l'aria.

Secondo uno studio di ManagerItalia, nel nostro paese una donna su 4 dopo la maternità lascia il lavoro, mentre negli altri paesi europei (perfino Spagna e Grecia) dopo 3 anni la donna riesce a rientrare nel mondo del lavoro.
Ma glielo dici tu al capo che tuo figlio sta male che oggi arrivi 2 ore dopo? Hai mai provato a chiedere al boss "devo uscire 2 ore prima perchè l'asilo chiude alle 3". Ma come fa un comune a fare un asilo che chiude alle 3? Giuro l'asilo comunale vicino casa mia aveva degli orari da statali...
Sembra che le cose le organizzino sempre per farle andare male.

E poi la ciliegina. In provincia di Mantova (mi ricordo un risotto alla mantovana mangiato da quelle parti che era la fine del mondo, con quelle salsicce...mmmm) il comune approva un regolamento che consente alle sole famiglie cristiane o cattoliche di iscrivere i figli all'asilo.
Cioè, se uno è semplicemente per i cazzi suoi e non vuole essere di nessuna religione non può mandare il pupo all'asilo. Cominciamo presto con le discriminazioni, ovvio che poi quando hanno 20 anni si ammazzano... Ma io dico... ma non ci pensano?

Ripicche, odio, ricatti, incazzature, gossip. Ecco questo è lo spaccato dell'italia. Poi in realtà dei problemi veri non gliene frega niente a nessuno.

Oddio forse sbaglio io.
Forse è giusto che se non appartieni a nessuna setta religiosa o se appartieni alla squadra sbagliata non ti venga dato il servizio dell'asilo.
Forse è giusto non avere diritto ad un posto di lavoro se si ha un bambino, o sei sei donna in età fertile magari appena sposata o giu di lì (una mia amica sul curriculum aveva scritto "lesbica maschio" per far capire che non avrebbe avuto figli).
Forse è giusto che tra i vari organi di governo e di controllo quello che sta più in alto possa dire sempre tutto quello che vuole, ci sarebbero meno problemi.
Forse è giusto che cose come il diavolo e l'acqua santa stiano insieme e ci stiano bene, come quel corona che dice "io rubo ai ricchi per dare a me, come Robin Hood" e la gente lo acclama ad eroe.
Sarà anche giusto così ma a me fa venire mal di stomaco. Qui cerco un po' di serietà, non ce ne vuole mota per salire di poco.

9 commenti:

Morgaine le Fée ha detto...

Quella dell'asilo che accetta solo bambini di famiglie cristiano-cattoliche non la sapevo.
Il bello é che la gente si meraviglia quando mi chiede se mi manca l'Italia e io rispondo no.
Tornarci ogni tanto per turismo (che é peggiorato anche quello) e per salutare le persone care, questo mi basta e avanza. Saluti dall'Ultima Thule con -25 stamattina :).

Diego De Martin ha detto...

Caro Marco,
complimenti per il post

da italiano all'estero, mi sembra di aver letto qualcosa giá scritto nella mia mente..

quella dello smog poi, assurdo!

ah, in spagna: la donna che da alla luce un bambino ha diritto solo a 4 mesi di vacanze pagate, indipendentemente dalla data del parto...

besos

gattosolitario ha detto...

Purtroppo é cosi, con il tempo (spero per te) inizierai ad ignorare queste cose e vedere cosa ti sei scansato...

Morgaine le Fée ha detto...

@Diego de Martin: non capisco il significato della parola "vacanze" abbinata al concetto "dopo il parto". Dalla mia esperienza, non riesco proprio ad abbinare le due cose...

Diego De Martin ha detto...

"vacanze"... dal lavoro. ok meglio chiamarlo, "periodo non lavorativo pagato"

kram

Gabriele ha detto...

Visto che recentemente sono passato in Francia... Chapeau !

Francesca ha detto...

Ciao!Sono d'accordo su tutto,tranne che su una cosa:le domeniche ecologiche.Non dico che facciano bene i sindaci che non vi aderiscono,ma sappiamo benissimo tutti che sono quasi del tutto inutili!!Il blocco è solo per poche ore,riguarda solo i centri urbani(e non per esempio le aree dove ci sono centri commerciali ecc..dove la domenica c'è un alta concentrazione di auto),e ci sono un sacco di furbi che lo ignorano perchè nessuno controlla.Solo che si preferisce discutere su questo provvedimento piuttosto che prospettare soluzioni serie e significative!

Marilena ha detto...

Ciao scusa e' un pochettino che ti leggo e siccome la Svezia mi e' sempre piaciuta trovo tutte le tue informazioni molto interessanti.
Pero' volevo fare un commento riguardo ai mesi di maternita' pagati o meno. Io vivo negli Stati Uniti e quindi qui non c'e' praticamente niente del genere. Pero' io anche se con molti sacrifici ho deciso di rimanere a casa con i miei figli fino a quando incominciano la scuola. L'idea dei miei figli all'asilo anche solo per 6 ore al giorno non mi andava. Non avendo i nonni a disposizione ho preferito lasciare il lavoro. Ora io credo che dovrebbere essere un mio diritto decidere se voglio o no tornare a lavorare appena finito il periodo di maternita'. Il fatto e' che qui negli Stati Uniti a differenza dell'Italia, una volta che avro' i bambini a scuola potro' tranquillamente trovare un lavoro. Anche a 45 anni ti assumono senza problemi. Mia suocera ha cominciato a lavorare a 45 anni ed ora 15 dopo e' manager.
Ho detto tutto questo perche' non tutte le donne vogliono tornare a lavorare quando i bambini sono piccoli ma non riesco a capire perche' in Italia una donna di 45 anni non puo' piu' trovare lavoro. Qui i capi capiscono che invece semmai e' una cosa buona assumere una donna di quella eta' perche' sicuramente non rimarra' piu' incinta e non dovra' chiedere giorni di malattia perche' il neonato e' malato.
Insomma come funziona in Svezia. So che ci sono tanti aiuti per le mamme che lavorano ma se una mamma vuole prendersi qualche anno solo per fare la mamma trovera' un lavoro a 45 anni?

luca ha detto...

Lascia stare l'Italia...hai presente quello spezzone del film "la meglio gioventu'"?L'Italia è un paese morto...sennò perchè ci troveremmo a sorbirci un inverno da meno venti gradi e la pasta scotta? Mi fa tristezza anche a me la quotidiana visita ai giornali italiani on line, ma molto di piu' mi fa rabbia